Oil Skimmer Manufacturer

JP | Thursday, 28th May 2015

There is a myriad of manufacturers of oil skimmers and it seems there is no shipyard, big or small, who has not competed at least once in their construction.

In the appendix we attach a list of “skimmer vendors” that makes the idea of the size and geographical spread of the market.

 

The reason for so much interest depends probably also from these considerations:

  • large amount of resources made available for remediation;
  • growing public sensitivity to care, protection and maintenance of the environment.

 

The financial resources management in emergency events such as those we are here dealing is not amenable under the usual standards of evaluation and weighting of cost/benefit ratio neither the same costs/benefits ratio can be traced to standardized assessments. It must be taken into account both the objectivity of the facts and the strong emotional impact that they generate in the general social mind.

The costs can be very high and due to various kind of damages, ranging from the environment to things, from the people to their activities, from the objective facts as losing earnings to the subjective existential damage, from predictable shoreline pollution to unpredictable pollution of an aquifer etc.

 

These facts generate very high (and righteous) social alarms, which in turn requires to the ruling classes of public and private, in a short time and “no expense spared”, to:

  • intervene where there is an objective need to remove or reduce damage and also
  • to demonstrate their organizational efficiency for
      • reduce the “feeling of fear” induced by the risk of catastrophe and
      • ensure the successful acquisition of sufficient sensitivity for environmental protection.

 

In emergency situations, in proportion to the social sensitivity of the geographical area in which they occur (eg higher in the US than in Nigeria), they engender strong interactions between manufacturers of reclamation systems and their users.

Even in non-emergency situations for the normal management of the “public good sea” there is a high and increasing social sensitivity to environmental protection requiring the use of tools, technical and organizational, to ensure in the best way the taking care of environment and to show the aim and the ability to do that.

The ruling classes of the public and the private are therefore constantly working to realize and demonstrate their commitment to the creation of specific organizations, for emergency response or dedicated to the maintenance of the water, which realizes itself with the further training of the assigned personnel and the purchase and renovation of the tools park to have the most effective of them available on the market.

This commitment creates consensus and appreciation that, notoriously, are priceless and therefore allow that the market for those instruments, and in particular of the skimmers, can be extended and varied in its offer.

 

The offer responds both to

  • the limited economic resources of small municipalities or small coastal activity, with small boats more or less effective, but still suitable to demonstrate their good commitment, sia alla
  • and the high availability of large companies or wealthy municipalities that are owning a diverse park of equipments, including large and expensive ships destined to pass almost all of their life moored at a wharf.

 

The production is then directed to present always new instruments with characteristics and appeal that make them indispensable to demonstrate due attention to environmental protection both in terms of maintenance and in terms of preparedness for emergency response; the parameter that appears to have been taken as discriminating in this technological evolution race is the power in the extraction capacity.

 

So there is a lot of tension towards increasing powers that have grown up to 5-600 m³/h. The machine RBS Triton URO 600 AquaGuard (shown right) guarantees the extraction capacity of 604 m³/h at a cost of over one million dollars. It’s true that the suction head of this machine is self-propelled but it is equally true that it is firmly bound to the support ship and its range of movement is limited to a few tens of meters. The patch required to contain 500 cubic meters of oil, when the blanket is 1 cm thick and considering that the colors and reflections table considers thicknesses up to 1 mm, would be extended to 50,000 square meters, which should be kept at a constant thickness and routes in one hour by the skimmer to exploit about 80% of the rated output.

Note how in this promotional film the manufacturer gives much greater prominence to the emotional aspects than to the actual efficiency of its machines in the real theater of action, despite the initial recall about their participation in the works of reclamation in the Gulf of Mexico and the possibility of including, we believe, the shootings of the real interventions effectiveness.


Other hand in the Protocol “Application of the American Society of Testing and Materials’ (ASTM) New Skimmer Test Protocol” it’s written: in the towing tank of salt water in Ohmsett, New Jersey – “the thickness of the oil must be substantially constant to simulate the ideal test conditions. the tests run in 2007 showed that the growth of the thickness more than 5 cm (2 inches) doesn’t give significant variations in the rate of recovery of the oil (ORR – oil recovery rate). The rough indication is to pour into the tub 4100 L (1080 gallons) of oil to achieve an initial thickness of 7.5 cm (3 inches) and perform the test by measuring the efficiency of the skimmer leaving the oil thickness to decrease from 7.5 cm to 5 cm (from 3 inches to 2 inches).

 

We reiterate the irrefutable importance to consider the ability of extraction but even more important is the ability to intercept what is to be collected in order to feed in the best way the means of extraction: the emergence responses are not going to be run in closed tanks filled with oil.

What is apparent from the analysis of the state of the art of the products and the manufacturers is that many separation systems works very well but are not very effective in the interception of the pollutants to be collected and to achieve the purpose it is resorted to extreme and very costly solutions as the “Bottsand” ship.
In practice, in most cases, the method is the containment of the oil spill in a ring of floating booms and then to drop the oil skimmer inside that fence. The devices assembled as oil skimmers can reach the spot and cross it to collect part of it and are mostly boats equipped with conveyor belts: they are less maneuverable and generally inefficient.
Only the rigid floating arms by Koseq have the prerogative of being able to move through the slick with efficiency but are designed to intervention in burdensome oil spills and require complex support structures and a dedicated support ship that has to be so much dedicated that become itself part of the skimmer.
The situation is different for the absorbent booms that are able to do their work but require motor boats for the transport and laying, to be towed to meet the stain to absorb and then to be returned on board for transport to a landfill for disposal.

  
  
     

Oil Skimmer Users

JP | Thursday, 28th May 2015

Gli utilizzatori degli oil skimmers sono organizzazioni che intervengono nella bonifica di specchi d’acqua; possono essere piccole aziende con limitati mezzi fino a grandi multinazionali; la loro proprietà può essere totalmente privata, mista o totalmente pubblica.


Prendiamo a modello delle esigenze delle organizzazioni il chiaro e compendioso approfondimento presente nei “Rapporto di Sostenibilità Ambientale, Sociale, Economica” del Porto Petroli Genova di Multiedo per gli anni 2009-10 . Il terminal petrolifero (di Multedo) è una struttura per lo sbarco, l’imbarco e il trasferimento di petrolio.
Da quei rapporti estraiamo qui pochi concetti in forma di definizioni al fine di evidenziare come la presenza di olio in acqua sia totalmente da condannare e quanto sia necessaria la prevenzione e l’immediata bonifica di spillaggi anche minimi che dovessero verificarsi.
E’ importante notare come ai fattori tecnici si sommino quelli sociali e politici.

 

  • è fondamentale il consenso da parte della comunità locale e delle istituzioni;
  • rendere più sostenibile la convivenza tra quartiere e terminal riducendone al minimo l’impatto;
  • è necessario che ci sia la garanzia della tutela dell’ambiente;
  • si attua il monitoraggio continuo della regolarità e della sicurezza delle operazioni;
  • si applica sistematica diagnosi della capacità di rispettare le prescrizioni ISO 14001:2004;
  • il concetto di Safety Ambientale è considerato dalla Società un aspetto prioritario;
  • ridurre al minimo i rischi attuando un’efficace azione di prevenzione e controllo degli incidenti;
  • la Società è dotata di attrezzature di sicurezza all’avanguardia;
  • la Società fornisce addestramento specifico al personale;
  • Il safety management di disinquinamento si effettua tramite una flotta di battelli specializzati che usano sistemi di contenimento della chiazza e di raccolta degli idrocarburi in acqua.


Le organizzazioni, le macchine, le modalità d’esecuzione e la capacità di reazione sono naturalmente commisurate al contesto in si opera; così avremo, per esempio, piccole imbarcazioni nel Golfo di Trieste e grandi unità sul fiume Hudson.



Gabbiano - Trieste
LadySkimmer
Weedoo Green Oil Spill Boat
Dep Cormorant Skimmer Vessel
East River (New York City)
New Jersey O.S.R. Vessel
Hudson River, New York
Damen Pollution Tom
Rotterdam


Gli interventi possono avere caratteristiche quali:

  1. manutenzione
  2. pulizia
  3. pattugliamento
  4. risposta in teatri drammatici

 

IMO fa una classificazione in base al tipo di intervento d’emergenza ottenibile da un gruppo, costituito da una o più organizzazioni, in funzione della gravità di uno sversamento che è definito da 3 livelli (tier).



competenzequantitàlivello
gruppo 1locali – regionali – nazionalifino a 7 tons.tier 1
gruppo 2regionali – multi-nazionalifra 7 e 700 tons.tier 2
gruppo 3internazionalioltre 700 tons.tier 3


I gruppi di organizzazioni sono integrati nei piani d’emergenza (oil spill contingency plan) predisposti dalle autorità  e dalle società preposte ad affrontare emergenze da sversamento di petrolio.


In base alla loro capacità d’intervento le singole organizzazioni possono essere più o meno adatte ad intervenire in teatri catastrofici; la loro probabilità d’impiego cresce con l’aumentare della dimensione del versamento perché con più è critica una situazione con più si utilizza ogni tipo di risorsa disponibile, anche la più piccola.

Le organizzazioni si costituiscono con finalità diverse: alcune esclusivamente per interventi d’emergenza, altre esclusivamente per operazioni di manutenzione, pattugliamento e pulizia che prescindono da emergenze e incidenti e altre ancora per qualsiasi tipo di intervento. La caratterizzazione dell’organizzazione è data dal tipo di attrezzature e competenze di cui dispone: le attrezzature per interventi in alto mare non servono in un porticciolo e viceversa. La partecipazione a interventi d’emergenza, così come l’attività di prevenzione e pattugliamento in un contesto industriale (p.e. raffineria costiera), necessitano di adeguate professionalità.


Nella matrice qui accanto sono rappresentati i punti di intersezione tra portate di skimmers, tipo di intervento e teatro d’azione. I pallini sulle portate necessarie indicano la necessità per l’organizzazione di disporre di almeno una macchina in grado di esprimere quella portata senza naturalmente escludere macchine con portate inferiori.


I pallini blu indicano le applicazioni di interesse per TJP.


La prevenzione é caratteristica di attività che includono il rischio d’inquinamento e sono dotate di strutture, macchine e strumentazioni mantenute in perfetta efficienza, non utilizzate nella quotidianità ma pronte ad essere attivate in caso di emergenza.


Il pattugliamento si svolge con continuità a caccia di eventuali immissioni e allarmi su superfici d’acqua dove si svolgono attività che includono il rischio di inquinamento per emergenza o per operazioni di routine.


La manutenzione si svolge con azione discontinua, sganciata da emergenze e incidenti, su tutte le superfici marine in prossimità di popolazioni e attività sociali, turistiche, industriali e commerciali al fine di rimuovere evidenti inquinamenti e iridescenze.


La pulizia fine è l’attività finalizzata ad evitare il formarsi di iridescenze e a rimuovere anche le più sottili di esse per mantenere l’acqua pulita e limpida, con un continuo filtraggio della superficie, in aree di particolare interesse pubblico e sociale.


Le emergenze tier 1-2-3 sono contingenti a situazioni di allarme grave.


In tali contesti si attivano i piani programmatici d’intervento (oil spill contingency plan ) che nei casi più gravi possono prevedere il ricorso a qualunque mezzo e risorsa disponibili.

In Italia le direttive per le emergenze prevedono, nell’ordine, l’attivazione di:

 

  • Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare Direzione generale per la protezione della natura e del mare Via Cristoforo Colombo 44, 00147 Roma.
  • Comando Generale del Corpo delle Capitanerie di Porto Centrale Operativa per le Emergenze in Mare Viale dell’Arte, 16 – 00144 Roma.

Da questo comando dipendono la Guardia Costiera  e le Direzione-Mare cui fanno capo altrettanti centri secondari di soccorso (MRSC), dotati in proprio di mezzi idonei al pronto intervento.



DirezioneMare
TriesteReggio CalabriaCagliari
VeneziaAnconaGenova
RavennaPalermoLivorno
AnconaRoma
BariNapoli

  • Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare

Divisione VII Difesa del mare dagli inquinamenti
Via Cristoforo Colombo 44, 00147 Roma


che ha, fra gli altri, i compiti istituzionali di

– Pianificazione e coordinamento degli interventi in caso di inquinamento marino, anche in collaborazione con le Capitanerie di Porto;
– Valutazione degli effetti conseguenti all’esecuzione dei piani e progetti per gli interventi in caso di inquinamento marino;
– Monitoraggio e controllo degli interventi attuati per fronteggiare situazioni di emergenza nelle materie di competenza in collaborazione con il Dipartimento della Protezione Civile;
– Gestione della procedura di recupero delle spese derivanti dagli interventi antinquinamento.


Da questo Dipartimento dipendono le “strutture per gli interventi” in difesa del mare.

Nel sito del Ministero si legge: “È In corso di realizzazione un sistema GIS che informerà sulle attività di pronto intervento e le emergenze in mare, permettendo di visualizzare e localizzare:

 

  • I mezzi nautici della flotta antinquinamento
  • Le aree oggetto di intervento
  • I porti vicini   (muniti di materiali deputati al disinquinamento, quali panne assorbenti e disperdenti, skimmer, ecc … )” ( tutelamare > strutture per gli interventi )

 

Il Ministero dell’Ambiente ha dato, dal 2005, in concessione a Castalia Ecolmar lo svolgimento dei servizi di antinquinamento in mare.


Castalia nasce a Napoli il 22 luglio 1986 in ottemperanza al Decreto Ministeriale 727/86 emanato dal Ministero per il Coordinamento della Protezione Civile che prevedeva la costituzione di una società all’interno del gruppo IRI che si occupasse di eseguire interventi nel settore della depurazione delle acque reflue, dello smaltimento di rifiuti tossici e nocivi, della bonifica ambientale, della ricerca e del monitoraggio ambientale. I soci fondatori sono stati Finmeccanica e Italimpianti (25%), Telespazio (15%), Italeco e Società Italiana per Condotte d’Acqua (12.5%), IRI e Finsiel (5%). Successivamente la società passa sotto il controllo di Italstat, poi di Iritecna (30% direttamente, 20% tramite Italtekna). Dopo il 1991 viene ceduta ad Italimpianti (IRI-Fintecna) e nel 1995 è stata privatizzata ed acquistata da Fiat Impresit S.p.A.. Nello stesso anno Fiat Impresit diventa Fisia Italimpianti.


Ad oggi (22/02/2013) l’azienda si chiama “Castalia Ecolmar S.C.p.A. – Società Italiana per l’Ecologia Marina”, proprietà del gruppo Impregilo, concessionaria dal 2005 del Ministero dell’Ambiente per i servizi di pubblico interesse relativi alle attività antinquinamento in mare (disinquinamento marino e protezione coste).



Castalia Ecolmar S.C.p.A.
nr.Società%nr.Società%
1Aqualia S.r.l.66,219Guardie ai Fuochi del Porto di Venezia Soc.Cooperativa p.A.0,3
2Globeco S.p.A.1220I.MAR.S S.r.l.0,3
3Moby S.p.A.3,2521Oromare S.p.A.0,3
4Nuova CO.ED.MAR S.r.l.322Rimorchiatori Siciliani S.r.l.0,3
5Sarda Bunkers S.p.A.1,523Transmare  S.r.l.0,3
6Somat S.p.A.1,524Rimorchiatori Salerno S.r.l.0,25
7Naval Service S.r.l.125Impresa Tito Neri Lavori Pubblici S.r.l.0,25
8Marnavi S.p.A.126Labromare S.r.l.0,25
9Diamar S.p.A.127Poseidon S.r.l.0,25
10Battellieri Cagliari S.r.l.0,8328Ecolroma S.r.l.0,25
11Giuseppe Santoro S.r.l.0,8329Ecoservice S.r.l.0,25
12Soc.Cooperativa S.Giorgio Barcaioli a r.l.0,8330Patania Servizi Marittimi S.r.l.0,25
13Servizi Ecologici Porto di Genova S.p.A.0,7531TEC.MA Tecnologie Marittime S.r.l.0,25
14Mare Pulito S.r.l.0,532Rimorchiatori Riuniti Porto di Genova S.r.l0,2
15S.A.M.. S.r.l.0,533GESMAR Gestioni Marittime S.p.A.0,13
16Ternullo Cristoforo S.r.l.0,534S.E.R.S. Società Esercizio Rimorchi e Salvataggi S.r.l.0,13
17Tripnavi S.p.A.0,4535Secomar S.p.A.0,1
18Crismani Ecologia S.r.l.0,3

 

I Piani per la Gestione dell’Emergenza in caso di Inquinamento Marino prevedono che le Aziende operanti con rischio di sversamento di idrocarburi siano dotate di mezzi idonei agli interventi di prevenzione, controllo e bonifica in caso d’emergenza.


Di questo insieme di operatori, in Italia, fanno parte:



12 raffinerie costiere che lavorano un quarto del greggio di tutto il Mediterraneo
Priolo G. (SR)Taranto
ERG MED. Raff. IsabImpianti Nord - Priolo G. (SR)P. Marghera (VE)
ERG MED. Raff. IsabImpianti Sud - Augusta (SR)Livorno
Gela (CL)Pantano (RM)
Milazzo (ME)Falconara M. (AN)
Sarroch (CA)Busalla (GE)


9 piattaforme di estrazione off-shore
Abruzzo/MoliseSiciliaMarche
Rospo Mare APerla - Gela1Sarago Mare1
Rospo Mare BPreziosoSarago Mare A
Rospo Mare CVega A


13 Terminal petroliferi
Tal Oil – SIOT TriesteTarantoMilazzo (Messina)Livorno
Venezia Porto MargheraAugusta (Siracusa)GelaGenova-Multedo
FalconaraPriolo (Siracusa)CagliariSavona-Vado Ligure
Fiumicino


14 grandi porti petroliferi
Mil-tons/anno% ITAMil-tons/anno% ITA
Milazzo15,25,80%Livorno4,61,70%
Gela7,42,80%Fiumicino51,90%
Siracusa-Melilli13,55,20%Taranto5,52,10%
Priolo13,55,20%Falconara3,91,50%
Augusta3111,90%Venezia2710,50%
Genova4918,80%Trieste4517,30%
Savona145,30%Cagliari-Sarroch2610%

 

120 depositi costieri (fonte “elenco dei depositi”)

Le DirezioneMare della Guardia Costiera così, il Corpo dei Vigili del Fuoco, ognuno dei soci armatori di Castalia e le Aziende soggette a rischio di sversamento sono dotati di mezzi e competenze per l’intervento antinquinamento e sono inseriti nei Piani di Intervento d’Emergenza (oil spill contingency plan).

Queste categorie di operatori sono quindi necessitate a coinvolgersi nello studio approfondito delle loro stesse esigenze e quindi a ricercare le caratteristiche che meglio le soddisfano tra quelle offerte dal mercato.

  
  
     
TJP